Cime da non perdere

Tra i molti luoghi da visitare in questa zona è impossibile perdere l’occasione di un’escursione sulla cima Cars, conosciuta anche come “du Cars.” Un luogo caratterizzato da tutti i tratti distintivi delle Alpi di questa zona, un ambiente carsico definito da rocce dal colore biancastro, particolarmente levigate dall’azione delle acque meteoriche.

Si tratta di una vetta particolarmente interessante che è possibile raggiungere attraverso un itinerario escursionistico aperto davvero a tutti. Si tratta di un percorso isolato, non allineato rispetto allo spartiacque che definisce la valle Tanaro nella parte nord e attraverso il quale è possibile vedere le cime più importanti delle Alpi liguri.

Grazie a questa caratteristica la Cima Cars risulta essere uno dei punti panoramici più interessanti della catena che origina dal Mongioie e si estende fino al Marguareis. È infatti possibile godersi una visione totale del versante dolomitico settentrionale di quest’ultima montagna, caratterizzata dal famoso e facilmente visibile Canalone dei Genovesi. Sarà inoltre possibile visionare la Conca delle Carsene, luogo particolarmente interessante a livello speleologico e turistico, senza dimenticare la bellezza unica dello spartiacque Pesio-Vermenagna, per raggiungere infine la bifida vetta della Bisalta. Sarà possibile inoltre godersi una visione completa della Valle Ellero, che nella parte sud viene chiusa dalla Cima delle Saline, mentre si apre sulla pianura cuneese nella parte nord.

Il territorio facente parte del Parco della Valle Pesio e Tanaro, risulta essere particolarmente interessante anche per gli appassionati di botanica, infatti la parte iniziale dell’escursione attraversa un bosco di abeti bianchi davvero unico, e la passeggiata tra le praterie sommitali garantisce agli escursionisti primaverili la visione di prati in fiore unici nel loro genere, con particolare riferimento alle moltissime viole dai colori rigogliosi, e senza dimenticare le fioriture delle grosse anemoni sulfuree.

La cima Gardiola è un altro straordinario tratto escursionistico da non perdere. Da questa vetta è possibile apprezzare in lontananza la punta Vigna, il termine degli impianti sciistici di Lurisia. È inoltre possibile vedere la cima Cars sulla cresta che sale a monte, senza perdere l’occasione di apprezzare la valle Ellero e la straordinaria cima Durant, caratterizzata dagli impianti sciistici d’Artesina. Sullo sfondo il Prato Nevoso e il Mandolè. Passando all’altro versante della val Pesio è possibile dare uno sguardo a luoghi idilliaci come: Mirauda, Bisalta e Bric Costa Rossa, la cime della Fascia e in lontananza il Marguareis.

L’accesso alla cima avviene al casello di Mondovì Ovest, percorrendo la A6 Torino-Savona. La partenza avviene da Cartosa Pesio alla quota di 859m, l’escursione è di difficoltà bassa con un dislivello di 1030 m e una durata di circa tre ore e mezza. Si consiglia di effettuare questa escursione tra dicembre e marzo, data l’esposizione nord-est, est.

monte_5

No comments

Sorry, the comment form is closed at this time.